Perché intervenire

L'alterazione e distruzione degli habitat, l’inquinamento, l'uso insostenibile delle risorse naturali, mettono a rischio la sopravvivenza di molte specie, una volta comuni ora sempre più rare e localizzate. Per lo scoiattolo rosso, tuttavia, non si prevedevano particolari rischi fino a quando, in tempi successivi e in luoghi diversi, lo scoiattolo grigio è stato importato in Europa.

In natura la similitudine di nomi indica spesso abitudini comuni, ed è così per queste due specie di scoiattoli. Sono talmente simili nei loro comportamenti e nelle loro preferenze ambientali da non poter convivere a lungo; i biologi sintetizzano questo fenomeno con un termine unico: competizione. Lo scoiattolo rosso e lo scoiattolo grigio competono tra loro per lo spazio e per il cibo. Purtroppo il risultato è sempre lo stesso: lo scoiattolo grigio americano rimane e continua a diffondersi, lo scoiattolo rosso diventa raro e si estingue. Le prove di questa competizione sono evidenti in gran parte dell’Inghilterra e del Galles, dove lo scoiattolo grigio è stato introdotto tra la fine dell’ottocento e i primi decenni del novecento; qui il grigio ha colonizzato ogni ambiente forestale disponibile e lo scoiattolo rosso è quasi estinto.

Lo stesso sta accadendo in Scozia, nell’Irlanda e in Italia.

Estinzione vuol dire scomparsa totale di una specie da un’area, dove prima era presente come risultato del processo evolutivo in corso da milioni di anni e forgiatore di quella che comunemente chiamiamo diversità biologica o, a maggior sintesi, biodiversità. L’estinzione dello scoiattolo rosso rappresenta una perdita per i boschi, gli ecosistemi in generale … e anche per l’uomo.

Per impedire questa scomparsa occorre limitare la diffusione dello scoiattolo grigio!

In queste pagine sono spiegati i meccanismi della competizione tra le due specie, i possibili scenari futuri, le preoccupazioni dell’Europa e i motivi che stanno alla base del progetto Rosso Scoiattolo.