Il fattore tempo

Secondo una previsione a medio termine, basata su modelli statistici appositamente formulati e già presentati e ritenuti affidabili in ambito scientifico internazionale, l’espansione dello scoiattolo grigio porterà la specie introdotta a colonizzare le Alpi, gli Appennini e i paesi - Francia e Svizzera - confinanti con l’Italia. Per tale motivo, diversi organismi nazionali e internazionali hanno più volte richiesto all'Italia interventi di limitazione della specie.

In base ai risultati di tali modelli si ritiene che in 20-40 anni dal 1996 la specie possa colonizzare le Alpi occidentali nelle province di Torino e Cuneo e in circa 30 anni raggiungere la Francia. Le popolazioni in Lombardia impiegherebbero 20-40 anni per colonizzare l’area lungo il Ticino e il lago Maggiore e le prime popolazioni in Svizzera sono previste nel decennio 2030-2040. Una volta raggiunte la Svizzera e la Francia la colonizzazione di altre parti d’Europa sarà solo una questione di tempo.

Purtroppo, la scoperta di nuove popolazioni di scoiattolo grigio in Lombardia fa ritenere molto più vicina la colonizzazione della Svizzera da parte dello scoiattolo grigio. Il futuro dello scoiattolo grigio in Italia e le scelte gestionali dovranno essere valutati tenendo in considerazione le previste possibilità di espansione della specie. Una larga parte dell’Europa ospita ambienti favorevoli alla presenza del grigio e la specie potrà colonizzare altri paesi partendo dall’Italia. Questo rappresentà un serio rischio per la sopravvivenza dello scoiattolo rosso.

Animazione con mappe prodotte dalla European Squirrel Initiative usando i risultati delle simulazioni riportate in Bertolino et al. 2008. Biological Conservation 141: 2564 2575.