FAQ - Seleziona la categoria di tuo interesse

Perché non si possono trasferire gli scoiattoli grigi in zone dove non ci sono scoiattoli rossi?

Non ci sono zone abbastanza ampie e prive di scoiattoli rossi che possono ospitare un gran numero di scoiattoli grigi. Queste zone dovrebbero anche essere confinate in modo da impedire l’espansione futura degli scoiattoli grigi in zone di presenza degli scoiattoli rossi. Inoltre l’introduzione delle specie alloctone è in generale vietata dalla legislazione vigente proprio per evitare gli impatti negativi che questi possono causare.

Perché non è possibile sterilizzare gli scoiattoli grigi e rilasciarli in natura?

La cattura, sterilizzazione chirurgica e il mantenimento in cattività o il rilascio in altre aree degli animali sterilizzati è una procedura molto complessa e costosa, possibile quindi solo per piccoli nuclei di animali. In questo progetto LIFE un intervento di questo tipo è previsto a Genova Nervi, dove gli scoiattoli si trovano in un parco urbano molto frequentato dai cittadini, abituati a portare cibo agli animali. A Nervi, considerato il forte legame affettivo che si è formato tra i cittadini e gli scoiattoli, si procederà con la sterilizzazione degli animali e la loro collocazione in aree da cui non potranno espandersi e raggiungere aree dove sono presenti scoiattoli rossi. Si dovrà anche valutare in maniera preventiva che lo scoiattolo grigio non determini un impatto negativo su altre specie.

Perché non è possibile rimandare gli scoiattoli grigi in America?

Gli scoiattoli grigi sono presenti in Italia da molti decenni. Qui è probabile che siano entrati in contatto con parassiti e agenti patogeni (malattie) non presenti in America. Riportare gli scoiattoli grigi in America, oltre che molto molto costoso, avrebbe forti rischi di determinare l’introduzione di parassiti e patogeni non ancora presenti in quel continente, con effetti non valutabili a priori. Inoltre si causerebbero delle artificiali modificazioni delle densità di animali incrementando la competizione tra individui e quindi la mortalità. Per questo motivo l’immissione di animali in natura è un’attività fortemente regolata è possibile solo in alcuni casi.